La storia della Società

Un po’ di storia…

Tutto ha inizio nei primi anni ’60: lo sport dominante è il calcio e un gruppo di giovani anticonformisti ha voglia di altro. La bicicletta diventa il punto di partenza per fare qualcosa di diverso.

E’ così che nel lontano 1962 lo sparuto gruppo di amici dell’oratorio scala le prime montagne e raggiunge passi epici come i grandi professionisti del tempo ma con lo spirito del cicloamatore: zaino in spalla, senza ammiraglia, senza auto al seguito, pedalando per più giorni, fino ad arrivare in cima e tornare a casa di nuovo in bicicletta.

Dopo un paio d’anni lo spirito del cicloamatore si trasforma in un impegno più concreto: gli amici decidono di trasmettere la passione per la bicicletta ai ragazzini e a quanta più gente possibile, fondano un gruppo e si affiliano alla Federazione Ciclistica Italiana.

Sotto la prima presidenza di Alessandro Agrati, il 16 gennaio 1965 viene costituito il Gruppo Sportivo Giovani Giussanesi: bianco e verde i colori sociali, un locale dell’oratorio ripulito e messo a nuovo la sede, tre ragazzi i primi atleti tesserati, comincia così questa avventura.

   

I Giovani Giussanesi iniziano a muovere le “prime pedalate” a livello regionale ma sono destinati a crescere e farsi conoscere anche a livello nazionale.

Nel 1966 arriva uno dei primi traguardi storici: l’esordiente Giuseppe Valagussa vince la prima gara ad Oggiono, diventando motore trainante del gruppo degli atleti.

Nel 1969, mentre i ragazzini partecipano alle corse per esordienti ed allievi, il GS Giovani Giussanesi organizza una corsa per amatori con partenza ed arrivo a Giussano, evento che nel 1973 si trasformerà nella prima edizione del Giro Cicloturistico di Lombardia, una gran fondo di livello nazionale di circa 240 km.

L’amore per la bicicletta e la condivisione dei valori dello sport a 360° si concretizza anche con l’affiliazione alla Federazione Italiana Sport Disabili: il gruppo promuove gare in tandem per atleti non vedenti; il grande impegno e la buona organizzazione permettono di creare nel 1986 una gara a livello nazionale sul territorio giussanese, con la presenza di importanti campioni di rilievo internazionale.

Con gli anni il Gruppo non ha mai smesso di mantenere viva la motivazione iniziale: diffondere la passione per il ciclismo nei giovani tra i 6 e i 18 anni, credere nel ruolo fondamentale dello sport nella formazione dei giovani, nella forza di volontà, nel sacrificio, nella fatica, nella gratuità, nel rispetto per l’altro. Un insieme di principi che ancora oggi sono l’asse portante della Giussanesi.

Più di 500 i ragazzi e le ragazze che hanno incontrato la Giovani Giussanesi, molti hanno iniziato da piccolissimi quasi non sapendo andare in bicicletta, tutti hanno condiviso la passione e l’impegno con le loro famiglie che hanno sempre sostenuto la Società.

Alcuni dei piccoli ciclisti, una pedalata dietro l’altra, sono diventati campioni e ancora oggi ricordano le prime soddisfazioni con la “Giussanesi”. Dal gruppo sono infatti usciti ben 3 professionisti: Mario Mantovan (compagno di squadra del grandissimo Marco Pantani), Davide Viganò (Team Androni Giocattoli-Sidermec) e Giacomo Nizzolo (Team Trek-Segafredo), questi ultimi due, tutt’ora in attività e vincenti.

Mario Mantovan – Da Juniores vincitore di più di 20 gare, conquistando il titolo di campione provinciale brianteo. Ha gareggiato per la prima volta come professionista nel 1991 iniziando con la ZetaG, poi è passato alla Carrera dove è rimasto sino al 1996.

Davide Viganò – Vincitore nel 2000 del campionato italiano categoria Allievi. Professionista dal 2005 con Androni Giocattoli, dove ritorna nel 2016.

Giacomo Nizzolo – Inizia a vincere con la Giussanesi con due secondi posti ai campionati italiani Esordienti per 2 anni di fila, seguiti da più di 20 vittorie da Allievo con il Giro delle 3 Province e 2 campionati provinciali. Professionista dal 2011 nel Team Leopard e dal 2014 con Trek.